peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Forgot login details?

For free!
Get started!

Text page


etromalleb.peperonity.net

]I¤I ballata I¤I[


la ballata della Morte e del vecchio marinaio


Di là del mare, in una notte oscura/ piena di spettri e densa di paura/ guardava l'orizzonte indefinito e nero/ dalla tagliente prua del suo veliero.
D'un tratto svaniva ogni illusorio chiarore/ s'impadroniva di lui un familiare orrore/ e quando il cuore prese a batter forte/ comprese che era giunta accanto la Morte.
"Amico mio, contempli il tuo passato?"/ Ella gli si rivolgeva con fare garbato/ "E' giunto il tempo ormai d'andare/ a riposar sul fondo del tuo amato mare.
"Sorella Morte da tempo t'attendevo/ sin da quando fanciullo le onde rincorrevo/ ma in cuore di seguirti, non mi sento"/ così rispondeva il vecchio a quell'accento.
"Perché ora vuoi rimandar la dipartita?/ t'ho dato tutto ciò che volevi nella vita/ viaggi, avventure, amori e quanto più conta"/ la Morte rispondeva con parola pronta.
"Amica cara, è vero quel che hai detto"/ diceva il vecchio e si batteva il petto/ "ma un desiderio ancora mi è rimasto/ di tutti i desideri il più puro e casto".
"Parla dunque fratello, non ti angustiare/ se è cosa che mi è dato di donare/ te la concederò con animo leggero"/ la Morte rispondeva a cuor sincero.
"Morte squisita vorrei finire questo viaggio/ e chiudere gli occhi nel mio natio villaggio/ per tutti i mari l'ho sempre anelato"/ il vecchio piangeva con lo sguardo abbassato.
"E' quindi alfin questa la tua richiesta?/ te la concedo ché è cosa assai modesta/ ed al ritorno tuo allor morrai sereno"/ e la Morte volava via in un baleno.
O stolta Morte il vecchio t'ha ingannato/ ché dal suo viaggio mai è ritornato/ e tu l'aspetti invano in riva al mare/ ché lui continua ancora a navigare.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.