peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Links


di4blo.peperonity.net

Cosa cadde a Tunguska?

Siberia, alba del 30 giugno 1908: un “oggetto”, probabilmente un asteroide o un grosso meteorite, proveniente dallo spazio, si schiantò al suolo.
La tremenda esplosione fu registrata dai sismografi di tutto il mondo, dall’Europa Occidentale agli Stati Uniti, e per settimane la polvere e i detriti colorarono i cieli e i tramonti da una parte all’altra della Terra. Nel momento preciso dell’impatto alterazioni magnetiche si manifestarono in tutto il pianeta ed anche molti animali, in particolare cavalli, stramazzarono al suolo privi di sensi, persino in luoghi distanti migliaia di chilometri dal punto dell’impatto.
L'effetto della caduta di un meteorite o del frammento di una cometa o, come dicono i più fantasiosi, dell'esplosione di un Ufo?
La zona direttamente interessata dalla gigantesca conflagrazione, il bacino del fiume Tunguska, fu devastata in modo impressionante. Ettari di tundra vennero in un solo istante coperti di vapore. Nel raggio di 40 km migliaia di alberi vennero divelti, deformati, pietrificati. Le cortecce e i rami stroncati. Quel poco di foresta che era rimasta prese fuoco.
Tutti gli insediamenti umani ed ogni forma di vita animale presenti nella zona vennero completamente spazzati via. Quel giorno nell’intera Europa non scese la notte. Ad esempio a Londra fu possibile leggere il giornale a mezzanotte senza ricorrere alla luce artificiale. In Olanda furono scattate fotografie alle navi che percorrevano lo Zuider Zee. Clamorosamente a causa della lontananza di Tunguska e delle difficoltà operative, di quel tempo, per raggiungerla, la prima spedizione riuscì ad arrivare sul luogo della tragedia soltanto 19 anni più tardi, nel 1927, ed era guidata dal dottor Leonid A. Kulik, un esperto di meteoriti di San Pietroburgo.
A 90 anni di distanza, l’origine della tremenda esplosione è ancora oggetto di accese discussioni. Alcuni autori prospettano che a Tunguska precipitò una cometa errante. Oppure si trattò di una piccola massa di antimateria che colpì e forse attraversò la Terra. Alcuni ufologi sostengono si potesse trattare del generatore nucleare di una nave spaziale (U.F.O.) in avaria, che fece una deviazione per evitare i grossi centri abitati del nostro pianeta. Ogni ipotesi ha le sue basi ed il suo fascino ma è attaccabile da denigratori convinti che non ci siano ancora elementi certi .
Alcuni testimoni, interrogati all’epoca da Kulik, riferirono di aver visto una palla di fuoco con una scia, una coda, scendere dal cielo, il che potrebbe far pensare ad un meteorite, ad una cometa. Questa fino ad oggi sembra la teoria più credibile specie se si pensa che gli impatti con corpi celesti come asteroidi non rappresentano una rarità nella storia della Terra. In quest'ultimo caso ci si chiede però che fine ha fatto il cratere di impatto e dove sono finiti gli ipotetici resti del corpo celeste? Ne' il primo ne i secondi sono mai stati trovati. E da dove veniva quell’immane energia sprigionatasi, calcolata dagli esperti nell’ordine dei 30 megatoni?
Anche riguardo all’ipotesi extraterrestre del crash del veicolo spaziale c’è da specificare che nessun frammento di materiale e metallo insolito, conosciuto o sconosciuto che fosse, è mai stato ritrovato, e pare indubbiamente strano, nonostante la potenza dell’esplosione, che il veicolo si sia dissolto nel nulla.
L'ipotesi dell'antimateria, definita come un’immagine speculare della nostra materia, presenta punti a favore e contro perchè se è vero che a contatto con la materia comune avrebbe potuto provocare un improvviso e tremendo rilascio di energia, è anche vero che ha una durata brevissima ed inoltre è scientificamente molto improbabile che esistano quantità così alte di antimateria in questa parte dell’universo.
Ultimamente una nuova spedizione ha individuato il reale punto d’impatto dell’oggetto in un lago vicino Tunguska cercando le prove che il bacino del lago fosse in realtà il tanto cercato cratere d'impatto del meteorite, ma anche queste ricerche non hanno avuto esito positivo.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.