peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


dj.jed.peperonity.net

**STORIA HIP HOP**

TRATTO DA UN SITO WEB

L´hip hop è nato piu o meno nel 1970! Tutti i media lo avevano giudicato solo una moda passeggera.. ma oggi 2004 l´hip hop esiste ancora e devasta!
Tutto è nato negli USA miscela esplosiva di Blak-music, soul, funk e R&B (Rhythm and Blues)
L´hip hop in poco tempo si è letteralmente espanso in tutto il mondo, chiaramente ogni nazione l´ha reso suo cercando di adattare il tutto al loro stile di vita

Le persone ke seguono questa cultura si chiamano rapper e vengono identificati da un nome standard: i ragazzi sono i così detti ´B-boy´ e le ragazze le ´Fly´

La cultura dell´hip hop è varieggiata: comprende l´amore per la musica ritmata da Dj attraverso lo scratch, il cut e il rap, per gli sports ´da strada´ quali lo skate boarding, per l´arte metropolitana del graffittismo, per la break dance.

Principalmente l´hip hop ha 2 grandi divisioni.. la East-coast e la West-coast. La costa est (East-coast) è caratterizzata dal casino, la musica è molto piu ´grezza´, i b-boy hanno una mente completamente diversa dai loro ´compagni´ West-coast, hanno molti piu problemi e casini. Principalmente i b-boy della East-coast sono piu poveri, non fanno hip hop x soldi e anche se ne hanno non li mettono in mostra!
La West-coast è molto diversa, e la gente è molto piu tranquilla. Esaltano la ricchezza, si mettono in mostra con macchinoni, catene d´oro e anelli tempestati di diamanti.
In italia è apprezzata di gran lunga la East-coast!

L´hip hop è formato da 4 elementi: il Mcing, il Djing, il writing e il breaking; ognuno completa l´altro e tutti assieme formano il vero hip hop, quello che spakka di brutto per intenderci.
Parola chiave dell´hip hop è ´free style´, ovvero l´arte dell´improvvisazione, non come mancanza totale di regole, ma come interpretazione soggettiva ed originale delle regole stesse
Tutto ha avuto inizio dal breaking, ovvero doveva esserci qualcuno che faceva basi x poter far ballare il breaker, e da questo è nato il Dj, subito dopo si è sviluppato anche la figura dell´Mc, ovvero colui che canta sulle basi; L´unico ´personaggio´ forse indipendente è il Writer, cioè colui che disegna.

Ogni uno ha il suo compito, proviamo ad analizzare ogni singolo elemento!
L´Mc a ka Master of Ceremony (Maestro di cerimonia): è colui che canta, solitamene mette in rima quello che vede e quello che sente.. la maggior parte dei testi tratta di argomenti veri e vissuti, sono presenti molti contenuti espliciti.

Altra specialità è il free style ovvero la capacità di improvvisare, durante basi casuali fatte solitamente con la sola bocca, vere e proprie canzoni in rima riguardanti le situazioni o i pensieri che stanno vivendo nello stesso momento! Gli Mc´s solitamente si sfidano in gare di free style per dimostrare la loro bravura; molte volte è proprio da questa improvvisazione che nascono poi i pezzi piu curati che troviamo nelle varie cassette

Il Dj e/o Bit-Maker è colui ke appoggia tecnicamente l´mc, è lui che prepara le basi, cerca e trova le sonorità più adatte per il pezzo finito, lo mixa, le remixa e lo arricchisce con scratch, insomma tutto quello che sentiamo oltre alla voce dell´mc in un pezzo hip hop è opera del dj!

Il Writer é colui che dipinge e teggha (firma col suo nome d´arte qualsiasi tipo di superficie), lo sente per necessità, solitamente dipinge con tecniche di Aerosol-art, colpisce muri, tetti, garage.. tutto il devastabile.. negli ultimi anni in italia si colpiscono molto i treni.
Nello stivale vantiamo di molti writer veramente validi che possono competere in tutto e x tutto con quelli degli USA!

Il Breaker è colui che balla, si può presupporre che tutto l´hip hop sia nato intorno a questa figura, come gia detto in precedenza
Balla la break dance, fa evoluzioni spettacolari e solitamente è protagonista nelle jam (ovvero le feste tipiche dei b-boy, occasioni di unione e scambi culturali)

Cosi come nel rap si improvvisa su una base musicale fissa, nell´abbigliamento nascono infinite variazioni su una regola-base, conseguenza diretta dello stile di vita di questa cultura: la comodità! Il basic wear è rappresentato da pantaloni over-size, capelli da marinaio, boots indistruttibili, T-shirt sportive, scarpe e tute da ginnastica a volte anche personalizzate con scritte, tags e pops (disegni tipici del graffitismo).
Tutto ciò non fa solo parte della così detta moda rap, ma ogni singolo indumento ha un ruolo ben preciso nella cultura hip hop; Come si puo notare tutti i rap piu famosi non usano il proprio nome, ma utilizzano uno ´STREET-NAME´ per mantenersi in incognito tra la gente.

L´esigenza di non essere riconosciuti, parte dal ruolo del writer, che dipingendo illegalmente sui muri ha bisogno di uno street-name!
Ha anke bisogno di tute e scarpe da ginnastica, utilissime per correre liberamente quando vengono scoperti! Gli occhiali scuri molto grandi e i capelli portati bassi sulla fronte!
É la notte che accompagna gli artisti delle metropolitane, quando tutti dormono loro entrano in azione armati di vernice spray e fantasia!

I b-boy e le fly sono gente comune, nessuno ha tendenze megalomane.

Scrivere sui muri non ha lo scopo di mettere in mostra la propria persona, ne tanto meno lo si fa x farsi conoscere.. viene avvertito come un bisogno di diffondere questa cultura, di sfogare le proprie energie con una bomboletta spry.
Tutto questo lo si fa solo x se stessi, gli altri possono giudicare, ammirare o disprezzare, ma non potranno mai privarli DELLA LIBERTA


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.