peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


mansonfamily - Man
finaldestinazion.peperonity.net

][SERIAL KILLER ATIPICI][

INFANZIE CHE LASCIANO UN SEGNO :CURARE

Io sono quello che voi avete fatto di me.. e il cane rabbioso, il lebbroso demone assassino, non è che il riflesso della vostra società.
(Charles Manson)





SERIAL KILLER "ATIPICI"



All'interno di questa sezione si andranno ad analizzare quelle che sono le forme "atipiche" del fenomeno serial killer. Per "atipico" si intende, però, solo e soltanto quello che non rientra nella maggioranza statistica dei casi di omicidi seriali. La statistica infatti, ci dice che il serial killer "tipico" è prevalentemente un maschio bianco, di età compresa fra i 25 ed i 35 anni, che agisce da solo, soffre di disturbi della personalità (ma raramente è un vero e proprio psicotico, incapace di intendere e di volere) e con forti tendenze antisociali e preferenze per la vita solitaria. Di conseguenza, sarà ben chiaro il motivo per cui vengono considerati "atipici" i cosiddetti angeli della morte, le vedove nere e le sette assassine.

GLI ANGELI DELLA MORTE
A questa categoria appartengono i serial killer che operano in strutture sanitarie come ospedali, o infermieri che svolgono la propria attività presso il domicilio di quella che poi sarà la vittima. Sfortunatamente il numero non è così basso come si possa pensare, soprattutto perchè è difficile destare sospetti quando la vittima è già un soggetto in precarie condizioni di salute. La maggior parte degli angeli della morte è composta da donne, che cominciano i loro delitti subito poco i vent'anni, il periodo medio di attività è di uno o due anni, e il numero medio di vittime è di circa otto vittime prima di venire scoperte ed arrestate. Il motivo principale che le porta ad essere scoperte sta nella propensione a cominciare a vantarsi dell'accaduto, o quanto meno fare delle dichiarazioni che destano sospetti che si riveleranno fatali. Nei casi in cui questo non avvenga, il numero delle vittime può salire sensibilmente, anche perchè l'arma del delitto sono gli stessi strumenti di lavoro. E' sufficiente somministrare per giorni una dose eccessiva di farmaco, oppure forti dosi di morfina dichiarando poi che il paziente aveva lamentato forti dolori per fare in modo che nessun sospetto possa ricadere su di loro.
La motivazione principale che spinge all'omicidio queste persone sta nello smisurato bisogno di sentirsi onnipotenti, di poter essere in grado di decidere della vita o della morte delle persone che sono state affidate loro in cura. La conferma di questa mania la si può anche trovare nelle confessioni, dove di solito ammettono di aver provocato la morte solo per alleviare le sofferenze, praticando l'eutanasia. Le vittime preferite sono soggetti indifesi, prevalentemente malati anziani ma non sono sconosciuti alle cronache casi di baby-sitter che vedevano nei bambini a loro affidati, comunque un essere umano bisognoso delle sue cure e che poi finivano uccisi.
Le caratteristiche comuni che si possono riscontrare negli angeli della morte sono principalmente tre:
- Il bisogno di onnipotenza e di poter decidere della vita o della morte delle persone a loro affidate
- La mancanza di confessione al momento dell'arresto, momento in cui continuano a negare la responsabilità delle morti causate rifugiandosi nella teoria dell'eutanasia
- Parlare con altre persone degli omicidi, esponendosi fin troppo oppure spingendosi a pronosticare la morte del prossimo paziente, cosa che quando si avvera porterà a forti sospetti.

LE VEDOVE NERE
Così chiamate in omaggio alla specie di ragni velenosi, le cui femmine divorano i maschi. Questa categoria di serial killer uccide esclusivamente per avidità e le loro vittime sono mariti facoltosi e chiunque possa ostacolare il procedere dei loro piani. Per questo motivi spesso vengono eliminati sistematicamente anche figli da accudire, parenti sospettosi ecc.. Deve la sua immunità alla sua intelligenza e alla grande capacità di pianificare con calma e freddezza i diversi omicidi. Inoltre è manipolativa e fortemente organizzata e lascia trascorrere un lungo periodo di tempo tra un omicidio e l'altro. Infatti prima di agire si conquista in modo inequivocabile la completa fiducia delle sue vittime e dell'ambiente familiare che li circonda, così che non venga mai sospettata di omicidio.. Almeno finchè il numero delle vittime non raggiunga una cifra troppo eclatante. In media il suo periodo di attività varia dai 10 ai 15 anni e comincia solitamente a colpire non prima dei 30 anni di età.
L'arma del delitto è nella maggior parte dei casi il veleno, che non viene mai usato in dosi massicce, ma sempre in dosi minime e ripetute. Così facendo si inducono nella vittima dei sintomi riconducibili ad altre comuni malattie, e per tali saranno curati ovviamente senza esito, finchè la concentrazione di veleno non sarà così elevata nell'organismo da provocare la morte del soggetto. La vedova nera finisce così per impossessarsi dei beni del defunto consorte o dei premi assicurativi derivanti dal decesso. Per questo motivo spesso le vittime sono di elevato rango sociale.



LE SETTE ASSASSINE
Questa categoria di serial killer pratica sempre quello che viene definito "omicidio seriale rituale". In pratica si tratta di un gruppo di persone, solitamente capeggiate e guidate spiritualmente da un capo carismatico, che soggioga le loro volontà per indurli a fare tutto quello che si chiede loro. Spesso vengono addotte motivazioni che sfociano nel fanatismo esoterico, religioso o si pongono come nuovo movimento alternativo alla sfrenata società consumistica in cui viviamo. Per questo stesso motivo più che parlare di gruppo criminale si parla di vere e proprie sette. L'atipicità di questa categoria sta soprattutto nel fatto che molto spesso l'omicidio seriale avviene all'interno della setta stessa e per diversi motivi. In questi casi si assiste al suicidio di massa, in cui la setta per ordine del capo stesso e per ottenere il fine ultimo, spesso legato alla salvezza e alla pace ultraterrena, si autoelimina. Oppure sono previsti suicidi più mirati verso un elemento alla volta, con la motivazione della "purificazione" del suicida, per qualche atto commesso in contrasto con le leggi della setta stessa. Manca quasi del tutto il modus operandi tipico del serial killer solitario. Tuttavia ci sono casi da "manuale" in cui la setta ha agito all'esterno e provocato un numero di vittime non indifferente. I casi più famosi sono quelli della "Famiglia Manson" e quelli italiani del mostro di Firenze, visto che da ormai più parti si ritiene che dietro quei delitti ci fossero più mani e che il movente era puramente rituale e finalizzato al procurarsi feticci e souvenir delle vittime




This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.