peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


cogli
finaldestinazion.peperonity.net

MA CI PRENDETE PER COGLIONI?


Snap Shots Options [Make th



Ma ci avete preso per Coglioni!


Roma, 20 set. - (Adnkronos) - “Abbiamo apprezzato le posizioni di Padoa-Schioppa su alcuni punti decisivi. Ha chiarito che non ha senso che il Parlamento impegni il Governo a revocare il Cda della Rai, perche’ si tratta di un potere che la legge attribuisce alla Commissione di vigilanza”. Lo dichiarano i senatori ‘dianiani’ Natale D’Amico e Giuseppe Scalera che, pure apprezzando le posizioni del ministro dell’Economia, annunciano voto contrario per tutte le risoluzioni. “Il ministro dell’Economia -sottolineano- ha chiarito che il governo, opportunamente, non intende ingerirsi nelle nomine interne alla Rai; e che quindi non ha senso che il Parlamento lo impegni in questa direzione. Soprattutto, ha invitato il Parlamento a esprimere sulla Rai posizioni che escludano ragioni di schieramento”. ”Siamo in sintonia con il ministro. Ma riteniamo che le risoluzioni presentate non vadano nella medesima direzione. In particolare, nessuna di esse chiarisce a sufficienza l’obiettivo verso il quale muovere: escludere finalmente la presa dei partiti sulla Rai. Questo e’ cio’ che i cittadini chiedono alla politica: riconoscere piena autonomia all’azienda culturale piu’ importante del Paese”, concludono.

È quanto di più propagandistico si possa affermare!
Il pensiero ideologico di una certa fazione politica italiana sarà, a mio avviso, mai come ora ancora più presente nei prossimi mesi sulle reti RAI. L’ articolo-verità del novembre 2006, che condivido in pieno poichè sono denunce che sto facendo ovunque da almeno 5 anni (cosa accadute in pieno governo Berlusconi), pubblicato sul sito Cultura Cattolica è uno dei tanti casi emblematici. Il sito Cultura Cattolica è stato additato dall’organo ufficiale del laicismo nazionale, la Repubblica, come oscurantista ed omofobico. A causa di questo articolo il sito fu attaccato ed oscurato da hacker ignoti, capitati lì per caso a dare una mano nel mettere a tacere le voci di dissenso al pensiero unico laicista di Scalfari e compagni. Questo l’articolo boicottato:

Lino Banfi, interprete di Nonno Libero, nella fiction televisiva “un medico in famiglia”, ci ha lentamente abituati con la sua aria sorniona, alle famiglie “aperte”, dove regna l’allegria, la mancanza della mamma è surrogata da nonni e tate premurose, dove il padre si sposa la zia e insieme spariscono per lunghi mesi, lasciando la famiglia nelle mani di questo instancabile nonno, che denigra la scuola libera, inneggia al sindacato come risolutore di tutti i mali e si sposa la consuocera borghese per redimerla. Ora nonno Libero, si lancia in un’altra operazione di “marketing culturale”, con la prossima fiction in onda su RAI UNO, il 20 novembre, in prima serata, dal titolo “Il padre delle spose”, racconta la storia di un padre, pugliese, vedovo, che dopo molti anni che non vede la figlia che vive in Spagna, decide di andare a Barcellona a trovarla e la trova, sposata con un’altra donna. Dopo il rifiuto iniziale del padre tradizionalista, gli autori garantiscono il lieto fine, ci mancherebbe altro, del resto sempre di un matrimonio si tratta, o no? No. Due donne sono una coppia che vive insieme, non basta che una legge dica che anche se dello stesso sesso possono dirsi “sposate”, il matrimonio è un’altra cosa, spiacente, ma le parole hanno un peso e gli impegni che si prendono sono differenti. Lo so, le accuse di razzismo e di grettezza mentale, sono assicurate, persino un vecchio patriarca pugliese si arrende e finisce per accogliere le due donne come figlie e voi vorrete protestare? Beh, io sì. Una cosa è accogliere la figlia lesbica e un’altra è dire che il matrimonio tra due omosessuali e due eterosessuali è la medesima cosa. Io voglio protestare, perché questo continuo far passare in televisione l’idea, che tutte le unioni possono essere equiparate, è una forzatura innaturale.Non sospenderanno certo la fiction per le nostre proteste, ma far sentire la nostra voce, chiedere lo spostamento in seconda serata e magari disdire il canone RAI potrebbe essere utile.
Filed under: Costume e società, Politica |
No Responses to “Ma ci avete preso per Coglioni!”


















Feed for this Entry Trackback Address

1. No Comments

Leave a Reply

Name (obbligatorio)















Mail (will not be published) (obbligatorio)

Website


*
I COMMENTI PIUì RECENTI
arem on …che la dritta via era s...
il berretto a sonagl... on …che la dritta via era s...
arem on LA POLITICA ATTACCA I BLOGGER!...
paologaz on LA POLITICA ATTACCA I BLOGGER!...
arem on Desaparecidos


Blog su WordPress.com. • Theme: Unsleepable by Ben Gray


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.