peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


labarcolana.peperonity.net

Trieste (Poesia 2)

Un saco de ben
- Nona, te me vol ben?
- Un saco, picio mio, mi te go sempre quà, drento de mi
- Nissun prima de mi ghe xe, che vien?
Son mi el più importante, xe cussì?
- Te sa perchè se disi "te voio ben un saco, un amor che el xe grande come el mar"?
Sentite quà con mi, che te voio spiegar.
Quando che andemo a Barcola e se tufemo a far la tociadina
ghe xe un mucio de zente, che nuda schiza ridi e xe contenta,
drento in acqua con noi, tanto che el mar diventa
come se el fussi proprio una piscina.
E quei che ghe sta drento, cossa te par, no i xe tuti bagnai?
- Si nona, cussì tanto che ale volte, me meraviglio che no i sia negai.
- Vol dir che el mar el basta, el xe per tuti. Nissun ghe cava al'altro la sua parte.
Per quanti ghe ne entri, nissun no ghe rimeti gnente, mai;
questo servi a insegnarte
che mama, nona, tuti quanti noi
gavemo un saco imenso drento al cuor
un saco raso, sempre pien de amor
propio come se el fussi un grande mar:
sempre basta per tuti, tuti se pol bagnar.
- Go capì, nona: per quanti che ghe entremo
quel tuo saco el resta sempre pien
Drento ghe stemo tuti, in quanti semo
E a tuti quanti, ti te ghe vol ben.
- Si, picio caro; te me gà capì.
A ti e a tuti i altri, voio un saco de ben, grande cussì!


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.