peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


betty grandi - Animated
lovebetty.peperonity.net

La storia di Betty Boop Seconda Versione

Il felice connubio tra un carattere trasgressivo e rivoluzionario ed un fisico, e dei modi, estremamente femminile e sensuale ne ha fatto un personaggio di grandissimo successo.

Betty è una tipica flapper, la ragazza "in" degli anni Trenta: capelli corti "alla maschietta", trucco deciso, vestitini succinti, anticonformista, allegramente spregiudicata e autoironica.Betty fece le sue prime apparizioni nel cartoon dedicato al cagnolino Bimbo. Anche lei era una cagnolina, che cantava nel locale dove lavorava Bimbo, ed era la sua ragazza. Ma ebbe da subito un inaspettato successo e presto, già nel 1932, assunse le sembianze umane, quelle di una seducente ragazza, mentre il suo amico Bimbo rimase nelle sue avventure come il fedele cane.
Il nome e i tratti distintivi (primi fra tutti i riccioli neri) le derivano dalla cantante Helen Kan allora molto in voga grazie alla canzone “I wanna be loved by you” (riportata al successo decenni dopo da Marylin Monroe); dal ritornello del brano invece furono estrapolati il cognome e la celebre frase distintiva “Boop-Oop-a-Doop”.
La musica era un elemento portante delle storie di Betty nelle quali si esibivano personaggi oggi considerati miti del jazz, come Cab Calloway e Louis Armstrong. Rimane nella storia il ballo che Betty eseguì sulle note di Minnie the Moocher, che la consacrò come un vero sex-symbol.Negli anni Sessanta-Settanta, con la rivoluzione dei "figli dei fiori" si ebbe un ritorno di fiamma, duraturo, per Betty Boop. Nel 1988 ha fatto una struggente apparizione nel film di Zemeckis "Chi ha incastrato Roger Rabbit?".
Fino ai nostri giorni, Betty Boop non è stata più "coperta" ed è rimasta un mito dei cartoon e dei fumetti, e un'icona dello spirito libero. Ancora oggi rimane intatto il suo magico boop-oop-a-doop, un affascinante non sense, quel certo non so che di ineguagliabile.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.