peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


vlad tepes
noitraivivi.peperonity.net

VLAD III IL PRINCIPE DI VALACCHIA


Vlad III Dracula
principe di Valacchia
Vlad III Dracula

Vlad III Dracula (2 novembre 1431 - dicembre 1476), conosciuto anche come Vlad Tepes (letto tse'pesh) o Vlad l'Impalatore, fu, a piu' riprese, principe di Valacchia: nel 1448, dal 1456 al 1462 ed infine nel 1476. Nacque a Sighisoara, in Transilvania.

Grazie al suo dominio, la Valacchia riusci' a mantenere la sua indipendenza dall'Impero Ottomano. La crudelta' nei confronti dei prigionieri gli valse il soprannome di Dracul, che in Rumeno significa "drago", ma fu anche detto l'Impalatore. La storia (romanzata) della sue gesta e' stata in parte raccontata da Bram Stoker nel romanzo Dracula.

L'origine del nome

Vlad III Dracula nacque nel novembre o dicembre 1431, nella fortezza di Sighisoara, in Transilvania. Suo padre, Vlad II Dracul, aveva ricevuto l'Ordine del Drago circa un anno prima. Questo ordine - simile, per certi versi, all'Ordine di Malta - era un ordine religioso originariamente creato nel 1387 da Sigismondo, re d'Ungheria (in seguito Imperatore del Sacro Romano Impero) e dalla sua seconda moglie, Barbara Cilli. L'ordine aveva un drago come simbolo. Scopo dell'ordine era di proteggere gli interessi del Cattolicesimo e lottare contro i Turchi.

L'Ordine in relazione a Vlad III e' importante per diversi motivi: in primo luogo da' una spiegazione del nome Dracula: in rumeno Dracu indica diavolo, ed i nobili di Romania, conoscendo l'appartenenza di Vlad II all'Ordine del Drago, decisero di chiamarlo Dracul. Draculea che in rumeno significa Figlio di Dracul, fu spesso usato dallo stesso Vlad III nella corrispondenza ufficiale. In secondo luogo, fu l'abbigliamento tipico dell'Ordine ad ispirare a Bram Stoker certi particolari del suo Dracula.

Altro nome con cui era indicato, piu' che altro dalla gente comune, era "Tepes", che significa l'impalatore in rumeno, essendo questo il suo supplizio preferito. Anche gli Ottomani si riferivano a Vlad come Kaziglu Bey, cioe' il Principe Impalatore, termine attestato a partire dal 1550.

Principe di Valacchia

Nell'inverno del 1436-1437, Vlad II divenne Principe di Valacchia (una delle tre province di Romania) e prese residenza nel Palazzo di Târgoviste, la Capitale della Valacchia.

Vlad III segui' suo padre, vivendo sei anni alla corte principesca. Nel 1442, per motivi diplomatici, Vlad III ed il fratello minore Radu furono dati in ostaggio al Sultano Murad II: Vlad III rimase prigioniero in Turchia fino al 1448, mentre il fratello Radu vi rimase fino al 1462.

Questo periodo di prigionia probabilmente gioco' un importante ruolo nel carattere di Vlad III. Pare che proprio in quel periodo Vlad III assunse una visione molto pessimista. Nel 1447 i Turchi lo liberarono, informandolo della morte del padre Vlad II Dracul per mano di Vladislav II, un altro pretendente al trono di Valacchia. A Vlad venne anche detto di come il suo fratello maggiore Mircea era stato torturato e, infine, bruciato vivo a Târgoviste.

All'eta' di 17 anni, Vlad III Dracula, appoggiato dalla cavalleria turca e da un contingente del Pascia' Mustafa Hassan, fece la sua mossa all'attacco del Trono di Valacchia, ma l'altro pretendente al Trono, Vladislav II, lo sconfisse solo due mesi dopo.

Per assicurarsi il trono di Valacchia, Vlad III dovette aspettare il 10 agosto 1456, quando riusci' finalmente ad uccidere il suo nemico (nonche assassino di suo padre). Vlad III inizio' quindi il suo piu' lungo periodo (sei anni) alla testa del principato, nel quale commise buona parte degli atti che lo resero famoso, rendendogli la fama per cui e' a tutt'oggi noto.

Inoltre Vlad III era anche soprannominato "Nosferatu" (colui che non muore, il morto vivente).


Contro le orde ottomane

Nel 1463, Vlad Tepes Dracula, a Plenari (Transilvania), con un piccolo esercito privato, affronto' le orde ottomane che dilagavano nella penisola Balcanica, riusci' ad intrappolare una parte dell’esercito nemico (12.000 uomini) in una gola e a distruggere il contingente nemico. Non fece prigionieri, i sopravvissuti furono tutti impalati, salvo uno, che fu rimandato indietro, con una cesta contenente la testa del suo generale. Con il suo coraggio e la sua ferocia impedi' l’invasione del paese. Vlad Tepes e' l’eroe nazionale della Transilvania. Nacque da tale episodio anche la leggenda del vampiro (in turco, dracula = il sanguinario). Vlad aveva comme compagnia una donna detta Cristiana (ma in documenti -Cristina-)che aveva un segno particolare sul seno sinistro,che voleva rappresentare una rosa magica che dava forze divine ! Era nata sul Mare Nero e proveniva da padre turco e madre rumena. Era di un bellezza particolare, mora con occhi verdi che nascondevono misteri mai scoperti. Il suo primo atto, una volta insediato sul trono di Valacchia, fu la vendetta verso i boiardi di Târgoviste per la morte di suo padre Vlad II Dracul e suo fratello Mircea: Nella domenica di Pasqua del 1456 arresto' tutti i boiardi, fece impalare i piu' anziani e costrinse gli altri a marciare fino alla citta' di Poenari. Durante questo terribile viaggio di cinquanta miglia molti morirono, ma ai sopravvissuti non fu concesso riposo fino alla destinazione. Quindi, Vlad III ordino' loro di costruire una fortezza sulle rovine di un antico castello, sul fiume Arges. L'impresa causo' la morte di parecchi boiardi, dando a Vlad III il destro per creare una nuova nobilta' in Valacchia, e di ottenere una fortezza per eventuali future situazioni di emergenza.

Vlad III continua ad essere ricordato per le sue brutali punizioni, come descritto dai suoi detrattori Sassoni di Transilvania.


Le atrocita' di Vlad Tâpes

Prima ancora di essere ricordato come un guerriero senza paura, le gesta inumane di Dracula saranno per molto molto tempo il suo eco piu' forte. Il suo metodo di tortura preferito era l'impalamento. Dracula non solo riadotto' dai turchi questo atroce strumento di tortura, ma creo' una propria "arte di impalare".

Dracula invento' un modo per impalare i ricchi, stendedoli piu' in alto di tutti o facendo ricoprire l'asta d'argento, invento' un modo per impalare i mercanti, con delle tacche incise sull'asta che avrebbero in qualche modo intralciato lo scivolamento del corpo verso la base dell'asta aumentando cosi' sia la durata della tortura che l'agonia, creo' un metodo per impalare le donne incinte, i bambini, i ladri, i vecchi, i guerrieri nemici, gli ambasciatori del Sultano, i traditori. Una registrazione dell'epoca, narra che durante un pasto dopo la battaglia, Dracula ricevette la visita di un cronista dal Vaticano. L'uomo si rivolse al Principe dicendo :"Come fate a mangiare qui mio Signore, l'odore e' insopportabile. Dracula non si fermo' a mangiare e nemmeno ostento' la benche minima sensazione umana quando, a seguito di quelle parole, ordino' ad una guardia di impalare quell 'uomo piu' in alto di tutti cosicche non avrebbe sentito l'odore dei corpi.

Nella citta' di Sibiu, nel 1460 Dracula fece impalare 10.000 persone in solamente tre ore. Non contento del suo atto, cosparse alcuni corpi con del miele (usato per oliare le aste da impalamento) cosicche sarebbero stati invasi da ogni tipo di insetto.

Nel 1459 Dracula si rese responsabile di uno dei piu' macabri avvenimenti nella storia umana. Durante il giorno di San Bartolomeo, a Brazov, Dracula fece invitare a palazzo alcuni mercanti, odiati e disprezzati dalla sua persona.

Prima di iniziare a mangiare, si rivolse loro con fare ironico domandando quanti regni essi avevano visto crollare nella zona della Transilvania e se il suo avrebbe avuto una sorte differente. Le risposte, esattamente come Dracula penso', furono spudoratamente sarcastiche, atte ad esaltare il disprezzo che ognuno di loro provava per quel pezzo di terra.

Dracula decise di fargli riempire la pancia, e subito dopo la fine del pranzo, fece entrare le guardie e arresto' i mercanti. Ne mise uno di fronte all'altro, in una sorta di fila indiana. Fece sventrare il primo e obbligo' il secondo a mangiare cio' che il collega, ormai senza vita, aveva nello stomaco. Continuo' cosi' e l'ultimo mercante ebbe una fine differente; venne fatto bollire e la sua carne fu data in pasto ai cani. Subito questo atroce spettacolo usci' per le strade e impalo' 3.000 persone, tra Boiari e mercanti.

Nel 1461 un'ambasciatore del Sultano turco arrivo' nel palazzo di Dracula. Si prosto' ai piedi di Vlad III ma non si volle togliere il turbante perche rappresentava il simbolo della propria religione. Dracula irritato da quel gesto ordino' di inchiodare (con chiodi simili a quelli della crocifissione di Cristo) il turbante alla testa dell'ambasciatore, e pronuncio' le parole:Credetemi se vi dico che non voglio che mai perdiate quel prezioso turbante.

Dracula fu sadico e spietato, invento' le armi batteriologiche, o meglio, ordino' agli appestati di travestirsi da guerrieri turchi e di entrare nella fila del nemico, espandendo cosi' la malattia. Butto' carogne di animali e uomini nei corsi d'acqua, incendio' interi villaggi nell'intento di terrorizzare il nemico infondendogli l'orrore nel cuore.

Dopo la sua morte misteriosa (c'e' chi dice sia stato ucciso dai suoi uomini perche' scambiato per un turco) sul campo di battaglia, molte sono le ipotesi su dove sia finita la sua salma. Alcuni pensano sia stata bruciata, altri pensano sia stata fatta a pezzi ed esposta ad Istanbul, ma la teoria piu' storica, e' che il corpo di Dracula e' stato ritrovato in una tomba di una cappella nella citta' di Snagov. Lo scheletro ritrovato infatti, aveva abiti in seta vermiglia ed un anello con inciso il simbolo dell' Ordine del Drago, l'Ordine a cui Dracula apparteneva. Dulcis in fundo, sembra che tutte le mattine un gruppo di monaci dedichi delle preghiere a quella tomba con lo scopo di "farlo stare buono"

Lolly Misteri Magie e Incantesimi e' stato realizzato con GREG - CMS 1.0 di MAGICNET
Questo sito non ha alcuno scopo di lucro. Qualora eventuali proprietari dei diritti di articoli e/o immagini non gradiscano la presenza sul sito di materiale da loro prodotto e'sufficiente darne comunicazione affinché vengano immediatamente rimossi.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.