peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


protection - Comics/Fantasy/Anime
noitraivivi.peperonity.net

CONTATTA IL TUO ANGELO CUSTODE




A volte, mentre percorriamo il viaggio della nostra vita, ci scordiamo del fatto che non siamo soli. Conosco molte persone, in apparenza molto estroverse e molto sicure di se, che in realtà si sentono molto sole. Sono quelle persone che, molte volte, scrivono chilometri e chilometri di parole a quell'amico immaginario, che in realtà non esiste, ma, paradossalmente, proprio perchè inesistente, perfetto. Sono quelle persone che alla fine cercano le loro certezze nel prossimo, nelle persone che via, via conoscono. Ma le persone che ci circondono, non sono MAI come noi ci aspettiamo. Nessuno può essere SEMPRE all'altezza delle nostre aspettative. Lì dove, una persona che, avrebbe dovuto darti certezze, si trasforma (solo nella nostra testa) in colui che non è riuscito a capire come realmente sei (o come ci si crede di essere), si forma un gap, un buco ancora più grande, che amplifica il senso di vuoto, di fustrazione, di solitudine. E spesso il risultato è soffrire e (ancora più grave) far soffrire le persone che ci vogliono bene (soffrono solo perchè voi l'avete usati, per uno scopo egoistico).
E come fare? Naturalmente, bisogna cercare quelle certezze, che cerchiamo fuori, all'interno di noi. Il nostro Io Spirituale ha tutte le risposte che cerchiamo. Per andare avanti, per crescere, per imparare, per riuscire a fare nuovi errori, dobbiamo liberarci degli errori che ci assillano, degli errori che ripetiamo e che nonostante i buoni propositi, sono sempre lì, ostacoli sempre uguali che non si riesce a superare. E' qui che entra in gioco il nostro Angelo Custode. Lui è quell'amico perfetto che stiamo cercando. Conosce pienamente la vera essenza del nostro essere, e cerca ogni giorno di comunicare con noi, per farci ricordare quello che siamo e quello che siamo venuti a fare sulla terra. Imparare a comunicare con il nostro Angelo, vuol dire riuscire ad avere le dritte per poter comunicare con la nostra essenza eterna, e riversare questa essenza nella vita di tutti i giorni. Non ci crederete, ma è proprio lavorando sull'"io", che migliorano i rapporti con il prossimo.
Le nostre anime che ci crediate o no, comunicano tra loro ad un livello che per noi è impossibile percepire. Quando due persone si incontrano per la prima volta, le loro anime incominciano a comunicare già prima che le stesse persone si scambino le prime parole. Ed è a questo livello che nascono le affinità elettive. Non avete mai avuto l'impressione di parlare con una persona come se l'aveste sempre conosciuta, nonostante l'abbiate appena incontrata?
In questa ottica, se la nostra anima è "sana" anche il nostro prossimo, inconsciamente, se ne renderà conto, e i rapporti interpersonali ne risulteranno migliorati.

Possiamo anche spingerci oltre e dare al tutto una concezione olistica. Infatti, molti ritengono che molte malattie del corpo, sono frutto di un disquilibrio del nostro Io Interiore, a livello dell'anima appunto. Io preferisco fermarmi qui evitando ulteriori divagazioni.



Torniamo al "come mettersi in contatto col nostro Angelo"...

Prima di tutto dobbiamo precisare una cosa e cioè, che la realtà che vediamo è solo la buccia di un frutto ben più polposo. Dietro TUTTO ciò che ci circonda che sia esso inanimato (case, macchine, sedie, tavoli, montagne, pietre, ect ect) o vivente (alberi e animali, uomini), si nasconde un intero ed invisibile mondo energetico. Questa rete energetica è importante perchè è proprio a questo livello che gli Angeli riescono ad operare. Manipolando la rete energetica, riescono ad operare "cambiamenti" nel mondo fisico, mettendosi, volendo, in contatto con persone fisiche.
Ogni persona possiede già gli strumenti per poter entrare in contatto con questo mondo di energie e per poter contattare il proprio angelo.
La prima cosa che bisogna fare è quella di prendersi qualche minuto di "pace" e di stacco dal Tram Tram quotidiano. Dobbiamo spegnere i tanti rumori che c'impediscono d' udire chiaramente i messaggi che il nostro angelo vuole comunicare. Lì nel nostro angolo sacro, dobbiamo cominciare a rilassarci e a meditare. Esistono diverse tecniche di rilassamento. Potrete trovarle ovunque, basterà che scegliate quella più efficace nel vostro caso. Aspettate che i pensieri si materializzino nella vostra mente, e fate in modo che in quei pensieri troviate le soluzioni per cambiare gli eventi, pian piano non lasciarete più che gli eventi cambino voi. Ora avete il vostro spazio dentro cui pianificherete il vostro destino. Prendete contatto con il vostro Io più profondo, chiamate il vostro angelo, parlategli, chiedetegli come si chiama. In mezzo ai pensieri che si materializzano nella vostra mente pian piano sentirete anche le risposte che cercavate.
Ricordatevi che prendere contatto con questo mondo invisibile, non è cosa immediata. Dovrete lavorare molto sul vostro Io interiore. Dovrete essere molto equilibrati. Dovrete allontanare ogni pensiero cattivo e di paura, perchè esistono anche spiriti che non hanno le migliori delle intenzioni, e che potrebbero utilizzare le nostre paure per sfruttarle per i loro scopi. Abbiate fiducia nel vostro Angelo e Lui vi proteggerà da questi spiriti.
Un consiglio è quello di informarvi bene sulla meditazione attraverso canali specialistici, e che poi l'utiliziate per i vostri scopi. A volte accade che non sentiate nessuna risposta durante le sedute di meditazione, ma che i frutti del vostro lavoro si riversi nella vita di tutti i giorni e che tutti quei piccoli segnali che vi venivano inviati vi risultino sempre più evidenti.
Per quanto riguarda la preghiera, beh, essa altro non è che una forma particolare di meditazione, pensateci! E' nata appunto per comunicare con il mondo spirituale (con quel Dio insito in ogni cosa, esistente ed inesistente). Io credo che la "qualità" della preghiera, sia molto più importante delle parole che si pronunciano. E in questa ottica la preghiera è uno strumento molto potente che ognuno di noi possiede. La preghiera è la forma più istintiva di meditazione che possediamo. Usarla ci avvicina a Dio e di conseguenza al nostro Angelo.
Insomma non limitatevi a recitare una poesia a memoria in modo meccanico, ma pregate col cuore, con l'anima. Pregate Dio e invocate nelle vostre preghiere il vostro Angelo. Pian piano si crearà un legame che vi permetterà di comunicare, e ricordatevi che comunicare col proprio Angelo è come comunicare con Dio, poichè Dio vede attraverso gli occhi degli Angeli.

Naturalmente la preghiera, è solo uno dei tanti modi per aprire una porta tra lo Spirituale e il Materiale, ne esistono tanti altri, molti dei quali appartenenti ad altre culture, diverse dalle nostre. Molte di queste tecniche richiedono l'utilizzo di rituali. E ogni rituale per quanto ai nostri occhi può sembrare banale o ironico, ha un suo significato ed è necessario. Il valore simbolico di questi rituali è la cosa più importante per attivare determinate energie. Per farsi capire i rituali non sono poi tanto diversi del nostro segno della croce, prima di una preghiera o all'entrata in chiesa. La stessa Messa, altro non è che un rituale, un simbolo, per rivivere la passione di Gesù. E' per questo che la Messa dovrebbe essere soprattutto vissuta, piuttosto che guardata. Non è accendendo la tv ed ascoltando la Messa su Rai Uno, mentre si cucina, che si vive la passione di Gesù. Non mi risulta che nel Vangelo ci sia scritto da nessuna parte che mentre Gesù veniva crocifisso ci fosse qualche casalinga che era lì e che facesse nel mentre la calzamaglia. Non dico che la Rai faccia male a trasmettere la Messa... anzi, è una grande idea, soprattutto per chi non ha la possibilità di spostarsi da casa... siamo noi, che non dovremmo vivere un momento come la messa, superficialmente. Certo, non commettete nessun peccato mortale, se lo fate, ma non serve praticamente a nulla. E' come, secondo me, non lo faceste affatto.
Siccome sto ancora una volta divagando, mi fermo dicendovi questo: mettetevi adesso alla ricerca del VOSTRO metodo per avvicinare il mondo Spirituale, con l'intenzione di contattare il vostro Angelo. Sono sicuro, che in questa ricerca, vi accadrà qualche coincidenza per cui vi imbatterete nel modo migliore, senza volerlo. E vi chiederete: "Ma sono io a cercare Lui, o è stato lui a trovarmi?". Provate!

Patera Francesco


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.