peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


imm
spettri.peperonity.net

(¯`•·.▲.· Lα Casa 1·.▲.·•´¯)

▲ Raffi ▲ katia ▲

▲ TRAMA ▲

Cinque ragazzi, Ash (Bruce Campbell), Scott (Hal Delrich), Cheryl (Ellen Sandweiss), Linda (Betsy Baker) e Sally (Sarah York), si recano a trascorrere un week-end in uno chalet di montagna. Arrivati a destinazione, il primo ad entrare è Scott, che trova la chiave sullo stipite della porta d'ingresso, mentre gli altri quattro scaricano i bagagli dall'auto. Sul far della sera cominciano a manifestarsi i primi avvenimenti soprannaturali: Cheryl infatti, mentre ritrae su di un foglio l'orologio a pendolo posto in casa, viene come posseduta da una forza oscura che la costringe a rovinare il disegno con la punta della matita. Quando cessa si ritrova davanti ad una strana figura i cui contorni sono definiti dai fregacci della matita. Poco dopo mentre stanno cenando, si spalanca la botola della cantina. Deciso a saperne di più, Scott scende per controllare, seguito poi da Ash. I due non trovano nulla che possa aver spalancato la botola, ma in compenso, si portano di sopra un registratore a nastro ed uno strano libro. Sul nastro è incisa la voce di un uomo, un archeologo, che afferma di aver fatto un'interessantissima scoperta tra le rovine del castello di Candar. Ha infatti preso possesso di un libro, il "Necronomicon ex mortis" (letteralmente Libro della Morte dai morti, evidente il riferimento al Necronomicon di Lovecraft), che consente di riportare in vita spiriti, demoni e defunti. Per documentare il tutto, il professore ha incautamente pronunciato e registrato le formule contenute nel libro, forse pensando a comuni superstizioni, risvegliando il demone che riposava in esso (il cosiddetto "evil dead", traducibile in "malvagio defunto" o "morto maledetto"), che con un tranello attira all'esterno della casa Cheryl per farla aggredire e stuprare dagli alberi. Ritornata dentro, la ragazza vuole andarsene e si fa accompagnare da Ash, ma i due si accorgono con orrore che il ponte è crollato. Al loro rientro Cheryl viene invasata dallo spirito; dopo una cruenta lotta la posseduta viene rinchiusa in cantina. Non passa molto però che anche Sally viene posseduta dal demone di Candar, ma è quasi subito fatta a pezzi. Scott parte alla ricerca di un sentiero alternativo, su per la montagna, per andarsene. Anche Linda viene posseduta ma abbandonata in poco tempo. Ash tira un sospiro di sollievo quando poi sente la voce di Cheryl provenire dalla botola che dice di stare bene e chiede che le venga aperto il lucchetto. Ma non appena Ash si avvicina entrambe vengono possedute di nuovo. Linda viene decapitata e seppellita mentre Cheryl riesce ad uscire. Scott ritorna, ma è gravemente ferito e muore poco dopo per essere anche lui posseduto dal demone e quindi eliminato. Ad Ash non resta che gettare il libro nel fuoco (idea suggerita dalla voce registrata) dopo una lunga lotta finale contro i due mostri. Gli invasati, dunque, si consumano in pochi minuti. Ash esce dalla casa e vede sorgere il sole, ma qualcosa lo aggredisce alle spalle. Il film si conclude con la faccia spaventata di Ash l'urlo che esprime il suo terrore...

▲PRODUZIONE▲

"La Casa" fu girato con appena 350.000 dollari[1] , in parte ottenuti da fonti varie da Raimi e Tapert, ed in parte ottenuti dalla casa distributrice dopo che ebbero visto il "prototipo" del film, Within the Woods.
Per supplire al misero budget, il film fu girato nei weekend nel corso di un anno e mezzo, e la maggior parte degli effetti speciali e delle ardite tecniche di ripresa del film furono improvvisate sul set e realizzate con "mezzi di fortuna". Ad esempio, Sam Raimi si servì per alcune riprese di una shakeycam, una sorta di steadycam di sua invenzione montata su un supporto mobile, che permetteva l’effetto “tremolante” della macchina da presa. Fu utilizzata per le impressionanti riprese in soggettiva dei demoni che inseguono i ragazzi nel bosco. Lo chalet in cui è ambientata la storia era realmente un’abitazione abbandonata, e venne distrutto da un incendio poco dopo le riprese del film. Inoltre esso non aveva alcuna botola, per cui le sequenze con l’ingresso del seminterrato furono girate nella casa di campagna del produttore Robert Tapert. Sempre in merito al seminterrato, poi, nella scena in cui Scotty e Ash scherzano con le armi si può scorgere la locandina del film Le colline hanno gli occhi, un horror di qualche anno prima diretto da Wes Craven.
Sempre a causa del ridotto budget, gli attori reclutati per il film erano per la gran parte o amici di Raimi e Tapert, o attori sconosciuti. Una delle sequenze più impegnative da girare fu quella in cui si vedono i ragazzi ascoltare il nastro dello studioso: ci vollero diversi giorni di riprese perché gli attori non riuscivano a rimanere seri. Tra i protagonisti è senza dubbio da segnalare Bruce Campbell, che dopo questo film diventerà una vera e propria star della cinema Horror.
Fin da questa opera-prima inoltre si possono individuare le caratteristiche classiche del cinema raimiano: il grande senso dello spettacolo, la cura dei dettagli e soprattutto il gusto per l’esagerazione cartoonesca che stempera i toni splatter della pellicola (vedere per credere la straordinaria orgia di sangue nel finale). I molti richiami agli indistruttibili personaggi dei cartoni animati della Warner Bros ed al loro "black humor" saranno resi ancor più evidenti dei seguenti La casa 2 e L'armata delle tenebre. Nonostante le sue "umili origini", La casa divenne in poco tempo un vero e proprio cult movie tra gli appassionati di horror e non solo, e servì per lanciare il talentuoso Sam Raimi nell’olimpo dei registi hollywoodiani.

▲ CURIOSITA'▲

All'inizio del film, i ragazzi passando in macchina salutano due contadini per la strada : in realtà essi sono Raimi e Tapert.
Nel film Nightmare: dal profondo della notte si può notare che nella TV in camera della protagonista è presente una scena del fim.
Nel film Donnie Darko La casa (The Evil Dead) è il film che il protagonista va a vedere al cinema, assieme alla fidanzata.
Il film fu finanziato coi soldi ricavati con Within the Woods, il cortometraggio che funge da prologo/prototipo della saga.
Mentre la macchina attraversa il ponte, si nota, sullo sfondo, un tipo in piedi sull'orlo del fiume che sembra stia osservando la scena.
Quando Ash raccoglie la collanina (che aveva regalato alla fidanzata) per agganciare il libro e buttarlo nel fuoco, questa forma un teschio.
Nei titoli di testa viene accreditata la 'Renaissance' (rinascita in francese). Concetto che Peter Jackson inserisce in entrambi i suoi due film splatter: Fuori di testa e Splatters, gli schizzacervelli
In una delle più diffuse locandine del film si vede una ragazza (probabilmente Linda) che urla rivolta al cielo mentre un braccio demoniaco le stringe la gola. Tale immagine è una vera scena che però non appare nel film. Probabilmente essa è presente in Within the Woods.
Un'altra locandina mostra una grande casa a più piani dall'aspetto simile alla casa de La famiglia Addams. Nel film lo chalet è una casa di legno ad un piano e con poche stanze.
"La Casa" ha un bizzarro predecessore orientale, "Hausu" del 1977, regia di Nobuhiko Obayashi (regista giapponese, classe 1938), anch'esso basato su un gruppo di persone che finiscono in una casa infestata e muoiono nei modi più bizzarri. Con il film di Raimi "Hausu" condivide un approccio al genere non ortodosso per il suo tempo, che mischia comicità e horror e bizzarre soluzioni registiche e visive.
Nella scena in cui Scott e Ash scendono nella cantina e trovano il registratore, si può vedere affissa al muro la locandina strappata del film di Wes Craven "The hills have eyes", traduzione inglese di Le colline hanno gli occhi del 1977. E' proprio per sdebitarsi con Sam Raimi, che Wes Craven fa apparire delle sequenze di "La casa" in Nightmare: dal profondo della notte.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.