peperonity.net
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

Text page


tbk3.peperonity.net

~Pensieri...~

PENSIERI DI UNO QUALUNQUE

Il Blues del mio Destino
Di : tbk.

Il telefono squilla Il telefono è muto.
Il blues del destino suona , uno shuffle
Lento e cupo.
Tu sei il mio disordine,una penna si getta a terra.
Tutto cade , scorre , vola , muore , precipita
Il blues va da solo , di volontà propria.
Mi ritrovo in mezzo , tra Bukowsky e Rosseau,
Uno dice d’esser uomo , e come tale ,
ragiona ,pensa e scrive , ama ed odia
il suo destino , diviene lentamente un icona.
Il blues continua , e l’altro beve ancora ,
ubriaco , vaneggia e storpia in rima ,
poi si libera , vomitando tutta la sua
umana non curanza , cosi’ maledettamente
vera.

Il telefono è rotto , il telefono squilla ancora
Io che guardo quelle due figure scritte ,
io che fumo , io sono triste ,
io che sogno , mi faccio ancora pena.
Il blues continua , non ha pietà , lui suona .
Tu stai li , lo sei sempre stata ,
io sono qui , che brutta storia ,
le ore passano , troppo veloci , respiro appena,
stasera regalero’ una rosa, ad una puttana russa e sola.

Il telefono non c’è , tu dici pronto ,
sembra ieri che t’ho conosciuta ,
amore , io non ti conosco .
Ad un tratto era tutto , cosi’ vicino ,
nitido , chiaro , vero ,
ora , invece , io sono solo ,
mentre il blues del mio destino ,
suona piano , in sotto tono .
La verità non esiste ,
è tutto oppure niente ,
sono io che scrivo ancora ,
sei tu , dentro qualche donna , sola.

*********************

IL PAGLIACCIO

di: tbk

Cosa succede pagliaccio ?

Hai forse smarrito

quel tuo buffissimo

naso rosso?



Cosa accade rispondi

sei forse distratto?

Dimentichi il sorriso

tra pensieri

d'incanto?



La cera sul viso

Pagliaccio

si è sciolta

d'un tratto!



Le labbra da rosse

hanno il colore

d'inverno!



Rimani muto?

Dov'è

il tuo spirito

d'un tempo!



Paglaccio

rispondi

non è piu divertente

questo tuo atteggiamento!



Vidi d'un tratto

una goccia di pianto

solcare le pallide

guance del pagliaccio.



S'aprì allora

il suo cuore nascosto

tra maglie che indosso

celavano l'uomo.



Vedi ragazzo

il pagliaccio è

triste,

il pagliaccio che ride,

il pagliaccio è ormai stanco.



Non vedo futuro

ma tristezza nell'animo

terrore in un bimbo

che non sa cos'è il mondo.



Non vedo piu giochi

urla di gioia

ma sento soltanto

sospiri di pianto.



Ne volti sognanti

attorno alla sala

se rido e poi cado

non fa piu l'effetto d'un tempo.



Allora ragazzo

allora io piango

che ridere per nessuno

fa piu male del pianto.



Allora ragazzo

il Pagliaccio è morto

trovate da soli

la felicità del sorriso!


*********************

Romeo e Giulietta
di : tbk

Romeo è sotto quel balcone,
urla e si dimena, qualcuno passa,
lo guarda un attimo,
senza compassione alcuna.
Romeo, vestito strano, cupo, buffo,
dona il cuore al vento,
che lo trasporti in cima,
a quel balcone vuoto,
piccolo angusto e lontano.
Romeo, si ferma e pensa,
poi comincia e canta e balla,
si scatena, marionetta impazzita,
chi lo vede pensa che la fine per lui sia vicina e,
Giulietta è in casa, bigodini in testa,
passa smalto fucsia e lucido su ogni unghia,
sente urlare, e pensa al vento,
poi alza il volume con il telecomando,
sta per iniziare quella nuova soap
sul terzo canale a pagamento.
Fa freddo fuori, Romeo è paunazzo in volto,
sembra stanco, chiama ancora, la voce è poca,
non riuscirà mai a scalare la ventesima finestra,
un ambulanza gli si parcheggia accanto,
due infermieri lo aspettano giocando a carte,
dentro, al caldo.
Giulietta piange, la puntata è stata commovente,
si mette crema, vitamine contro rughe,
beve birra, gonna rosa e felpa bianca,
s'addormenta e sogna, è stanca,
Robbie Williams di sottofondo a ninna nanna.
Se n'è andato, Romeo, resta l'ombra, nera e scialba,
stà dentro un bar, a bere merda,
che tanto gli ricorda la sua vita moderna,
non sogna, non pensa, non urla, non canta,
rimane fermo, e si ubriaca.
Romeo e Giulietta, nell' era odierna,
distratti amanti, indifferenti e stanchi,
soli, egoisti, specchi rotti,
cuori infranti, distanti, pazzi,
fatti a pezzi da valori persi.
Giulietta e Romeo,
come noi, come tanti
destini uguali, spesso identici,
amori e pianti, forse inutili.

************************

QUANTI 11
di : tbk

Quanti 11 avranno contato... e loro
magari li chiamavano 7 oppure 20
cosa importa se il significato è lo
stesso? No non piango,per ora,
perchè io l´11 lo vedo da lontano e
come un cane non mangio finchè,
non ho fame.Ecco il problema,si,
forse è proprio questo che ci
spinge a retorica,lenta nella deriva
di sentimenti,così un morto non è
tale se non ne senti l´odore forte
accanto. Tutt´ora guardo avanti per
paura di dover un giorno sognare il
tempo addietro.......
No,proprio no,sono un uomo e
come tale rendo amica persino la
miopia, a patto che essa mi dia
piacere e così dopo il 10 viene il 12
e mi scordo col sorriso in bocca
che nemici così simili a noi si
travestono da diversi portando buio
nei cuori altrui.
Chissà se un giorno l´uomo si
chiamera´ ancora tale..........TBK3.
(in memoria di tutti i caduti della
feroce crudeltà umana )
**************************************
**************************************

PRECARIO SOGNAR
di : tbk

Poggiato sul ramo del tuo
desiderare presunto , si posan
leggeri i miei sogni precari.
Somigliano vaghi a fiocchi di neve
ma pesano enormi come massi
d´atavici ieri , così per paura di
svegliare i miei occhi ascolto e non
guardo i miei sogni volare....sentirò
il rumore o forse d´incanto sarà un
sordo fragore , che importa se in
fondo il mio cuore deluso e lento
viandante fermerà i suoi passi da
nano quando dinnanzi non vedrà i
miei sogni precari sul tuo ramo dei
desideri poggiarsi di già!
**************************************
**************************************
MOMENTO 3 : IL TRENO

La vita è come un treno che viaggia,sinestesia semplice scontata e risaputa,ma quando vedi il paesaggio sfumare tra i tuoi pensieri un emozione sale e trasale dalla vita. Luci e ombre che il treno attraversa senza sosta e tu li seduto che sembri spettatore e ogni tanto un controllore entra per vedere se tu protagonista sei disposto ancora a viaggiare. Il treno si sa arriva al capolinea ma si sa che poi parte di nuovo,con o senza gente a bordo il suo viaggio lui lo deve fare e chissà se tu protagonista spettatore sarai disposto ancora a sognare un viaggio eterno tra pensieri che sfumano.....Tra ricordi che passano.
************************************************************


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top
.